City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

Rubriche

(CIS) - Perugia set. - Grazie alle convenzioni stipulate con Trenitalia, Busitalia e Saba-Sipa i visitatori del percorso espositivo della Mostra "DA Giotto a Morandi" che e' stata prorogata fino al 5 novembre, che si svolge a Palazzo Bandeschi in pieno centro storico a Perugia, possono avere agevolazioni sul costo del parcheggio, sul biglietto di ingresso alla mostra. Gli organizzatori hanno annunciato la proroga della mostra con molta soddisfazione; hanno ringraziato tutti i prestatori che hanno creduto fin dall'inizio in questo nostro progetto. E' la testimonianza di un impegno che ha tenuto conto sia della specificità dei territori di appartenenza delle opere, sia di scelte mirate sotto il profilo più propriamente artistico. A Palazzo Baldeschi, entrando nella prima sala e seguendo un percorso organizzato in ordine cronologico, si può ammirare il prezioso tondo di Giotto raffigurante San Francesco d'Assisi, accanto ad opere di Beato Angelico, Perugino, Pinturicchio, e la Madonna di Matteo da Gualdo, scelta come immagine della mostra. Nella seconda sala spiccano le pale d'altare di Camillo Procaccini e Giovanni Francesco Guerrieri da Fossombrone, accanto alla seducente Onfale di Ludovico Carracci e alla tormentata Deposizione di Cristo di Ferraù Fenzoni, mentre nella terza sala sono raccolte opere di maestri del primo Seicento influenzati dalla rivoluzionaria pittura di Caravaggio. segue

(CIS) – Roma set. - "Nuove dipendenze: ludopatie e droghe": e' stato questo l'argomento trattato da medici, politici, docenti universitari e magistrati, ieri, durante il convegno che si è tenuto alla sala Zuccari di Palazzo Giustiniani del Senato della Repubblica a Roma, organizzato e voluto dalla Comunità Incontro Onlus, inserito nelle campagna di promozione "Insieme per la vita contro la droga". Una giornata intensa di spunti costruttivi e riflessioni arrivati, anche dal procuratore capo della Repubblica di Terni, Alberto Liguori, dal vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri e del sottosegretario al Ministero dell'interno, Gianpiero Bocci. Ad aprire i lavori Giampaolo Nicolasi, responsabile della Comunità Incontro Onlus. Dopo aver ricordato Don Pierino è entrato nel vivo del tema del convegno. "E' diventata quasi una moda tra i giovani – ha spiegato – quella di uscire il fine settimana per sballarsi. In che modo? Fumando uno spinello o sniffando o bevendo. Un atteggiamento sbagliato che non porta da nessuna parte, ma che fa riflettere. Viene in mente immediatamente la ragazzina di 16 anni morta a Genova per una dose di metanfetamina oppure i sette morti, in tre mesi, per overdose a Mestre. Sono proprio questi tragici fatti di cronaca, registrati negli ultimi mesi, che devono spingerci ancora di piu' – e' detto in una nota - a lottare per aiutare i ragazzi che finiscono nella rete della droga. Importantissimo in questi casi la collaborazione tra pubblico e privato. E' proprio su questo – ha aggiunto Nicolosi - che ci stiamo impegnando a fondo e dobbiamo continuarlo a fare. segue

(CIS) - SCV/Palermo set. - "Bisogna essere chiari su un punto. La mafia non è una criminalità comune, ma un'organizzazione feroce e, al tempo stesso, una forma di ateismo che si colora di tinte neopagane e di blasfeme citazioni cristiane. La mafia è inequivocabilmente fonte di morte. Morte della società, morte del territorio, morte dell'anima delle persone". Lo scrive il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nel suo editoriale de «L'Osservatore Romano», che sara' in edicola domani venerdì 15 settembre e già consultabile sul sito www.osservatoreromano.va, dedicato alla figura del beato don Pino Puglisi in occasione dell'80° anniversario della sua nascita (15 settembre 1937 - 15 settembre 2017) avvenuta nel quartiere Brancaccio di Palermo. «Cinquantasei anni più tardi, nel 1993, proprio nel giorno del suo compleanno – scrive il cardinale Bassetti, come riporta una nota –, padre Puglisi - sacerdote nello stesso rione che lo avevo visto nascere - veniva ucciso dalla mafia con un colpo alla nuca. Un'esecuzione fredda compiuta in odio alla fede. Don Pino, infatti, come ammise uno dei suoi killer, era diventato una "spina nel fianco" del sistema malavitoso perché "predicava, predicava, prendeva i ragazzini e li toglieva dalla strada". Una "felice colpa" che nel 2013 lo ha fatto diventare beato e primo martire della Chiesa ucciso dalla mafia».segue

(CIS) - Perugia set. - - "Stamattina abbiamo convenuto su un programma e un calendario di attività per la ripresa del servizio nel più breve tempo possibile, eliminando così i disagi per gli utenti per i quali in questi mesi viene garantito il trasporto con autobus sostitutivi". Lo ha detto ancora il presidente Marina. "A questo scopo, ad Rfi abbiamo affidato una indagine diagnostica che verrà svolta in questo mese di settembre sull'intera rete. A inizio 2018 potrà riaprire intanto il tratto fra Umbertide e Città di Castello, il primo a essere rinnovato". "Non si interverrà più con interventi 'tampone' come è stato fatto in precedenza – ha rimarcato la presidente – ma grazie al lavoro e alla programmazione di Regione, Governo, Ferrovie dello Stato si aprono prospettive che cambiano in maniera qualificante il futuro della infrastruttura umbra". "Oggi possiamo contare su risorse ingenti e su un quadro di opportunità e certezze di cui prima non disponevamo - ha detto l'assessore regionale Giuseppe Chianella- che, tra gli altri ha ricordato come, gli investimenti per il rinnovo del materiale rotabile, nel giro di qualche anno, potrà portare alla sostituzione dei treni attuali con treni ad alimentazione elettrica"."Su tutti i 153 chilometri del percorso – ha specificato il direttore Produzione di Rfi Umberto Lebruto – verranno effettuati gli interventi per la messa in sicurezza per adeguarlo agli standard - ha spiegato come in una nota - richiesti dall'Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria. segue

(CIS) . Perugia, sett - Si sta affacciando all’uscio dell’arte con lo sguardo meravigliosamente furbetto dei bambini che vogliono immergere il dito nel vasetto della Nutella. Goloso di capire, di vedere … di agire e di farsi fagocitare da un mondo che pensava lontano dalla sua realtà. Mamo, pseudonimo (ma fino a ieri l’altro l'appellativo usato dagli amici!) di Massimiliano Donnari, serissimo imprenditore perugino specializzato nel settore degli impianti per la lavorazione del legno, è un fautore della pittura materica e, dopo avere suscitato interesse e curiosità tra più d'un collezionista che ha intravisto nelle sue opere un richiamo, alquanto lontano e del tutto casuale, ai soggetti grotteschi di Enrico Baj, è approdato alla mostra “intimARTE’. Curata dalla Divulgarti Consulting di Genova e dall’Associazione Artistica ”I2colli” di Terni, con Loredana Trestin e Anna Rita Boccolini, è stata inaugurata domenica 10 settembre a Perugia, al CERP della Rocca Paolina, e sarà visitabile fino al 24. ... segue

(CIS) - “Quella firma, nel 1997, aveva un orizzonte ed una visione strategica molto chiara, la costruzione, attraverso la conoscenza reciproca, di un’Europa unita, democratica e federale. Da allora, amicizia, conoscenza ed integrazione sono state le parole d’ordine che ci hanno guidato in 20 anni di promozione turistica reciproca, scambi culturali e commerciali, cooperazione e solidarietà, progetti scolastici”. Il 2017, per il Sindaco di Corciano, Cristian Betti e per la sua comunità è un anno speciale, perché segna il ventennale del Gemellaggio con il Comune di Pentling. Da tempo, il comitato gemellaggi presieduto da Elisa Cova, consigliere capogruppo del Pd, si è mosso per organizzare al meglio le celebrazioni, fissate per domenica 10 settembre a partire dalle 18,00 ad Ellera, nella Sala Arca e nel Piazzale L'Unanuova ... segue

(CIS) – Roma/Magione - set. - Sarà presentata mercoledì 6 settembre alle ore 11, nella Sala "Caduti di Nassirya" del Palazzo Madama – Senato della Repubblica, Roma, la mostra "Donne di colore" allestita negli spazi della Torre dei Lambardi di Magione. La presentazione nel prestigioso spazio è un riconoscimento all'elevata qualità delle opere esposte e dell'allestimento curato da Giorgio De Finis che ha saputo mettere a colloquio le opere di tredici artisti contemporani provenienti da tutto il mondo (Francesca Fini, Lenia Georgiou, Maya Hayuk, Kaarina Kaikkonen, Micaela Lattanzio, Florencia Martinez, Veronica Montanino, Francesca Pasquali, Gloria Petyarre, Michelangelo Pistoletto, Virginia Ryan, Joana Vasconcelos, Mary Zygouri), con un monumento del XIII secolo. «Secondo capitolo di un coerente percorso progettuale – spiega Vanni Ruggeri, presidente del consiglio comunale di Magione con delega alla cultura –, condiviso da Amministrazione comunale e Società Operaia di Mutuo Soccorso e inteso ad accreditare la Torre dei Lambardi quale prestigioso contenitore espositivo capace di proporsi autorevolmente per intercettare rotte, tendenze e sollecitazioni del contemporaneo, la mostra "Donne di colore", curata da Giorgio de Finis, sembra rispondere appieno all'urgenza, oggi quanto mai avvertita, di restituire alla pratica artistica una funzione pubblica non limitata alla sterile diagnosi del presente, ma potenzialmente votata a forgiare, almeno in parte, il domani, stimolando riflessioni sul senso, aprendo crepe nella superficie monolitica dell'ovvio, ribaltando proditoriamente luoghi (e ruoli) comuni. segue

(CIS) – Gubbio set. - Raccontare la natura in tutte le sue forme, dal rischio idrogeologico e le emergenze fino alla bellezza del paesaggio e al turismo della percorrenza lenta sui sentieri italiani, per tutelare l'ambiente e diffondere una cultura dell'ecologia. L'associazione Greenaccord onlus, che organizza a Gubbio il Forum dell'Informazione per la Custodia del Creato, consegna i premi giornalistici "Sentinella del Creato" a giornalisti che si sono distinti per la sensibilità nei confronti dei temi ambientali. Domani, Sabato 2 settembre, al termine del secondo giorno di cammino del pellegrinaggio a piedi Assisi - Gubbio "Il Sentiero di Francesco" e in chiusura del Forum dell'informazione cattolica, è in programma la serata "Sentinella del Creato" (ore 21.30, chiostro dell'ex monastero olivetano di San Pietro), un talk aperto al pubblico e condotto dal giornalista Rai Roberto Amen, al quale prenderanno parte ospiti del mondo ecclesiale, culturale, artistico e socio-politico. Ci sarà un dialogo tra l'attore, musicista e scrittore Moni Ovadia e il vicepresidente della Conferenza Episcopale Italiana per l'Italia centrale, mons. Mario Meini. Non mancherà la musica: la voce blues e soul di Linda Valori, accompagnata dalla Maurizio Pugno Band. Durante la serata Grenaccord onlus consegna i premi giornalistici "Sentinella del Creato", per l'attenzione e la sensibilità alle tematiche dell'ambiente, a Benedetta Rinaldi (conduttrice de "La Vita in Diretta Estate"), Isabella Di Chio (giornalista Tgr Rai del Lazio), Roberto Mazzoli (direttore de "Il Nuovo Amico" della Diocesi di Pesaro) e Roberto Moncalvo (presidente Coldiretti). segue

(CIS) - Perugia set. - La Caritas diocesana vivra' la Giornata internazionale della Carità istituita dall'Onu, ricordando il 20° anniversario della morte di Madre Teresa di Calcutta e preparandosi alla prima Giornata mondiale dei Poveri indetta da papa Francesco; In vista dell'imminente 5a Giornata internazionale della Carità istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 2012 (in risoluzione A/RES/67/105), la giornata viene celebrata dal 2013 il 5 settembre di ogni anno, ricorrenza della morte di Madre Teresa di Calcutta, e la Caritas di Perugia-Città della Pieve vuol richiamare tutti gli operatori e volontari delle strutture e servizi sia diocesani che parrocchiali e tutte le persone di buona volontà, a riflettere su questa giornata. "Essa, quest'anno, assume un duplice particolare valore – ha commentato il diacono Giancarlo Pecetti, direttore della Caritas diocesana – sia per la ricorrenza del 20° anniversario del ritorno alla Casa del Padre di Madre Teresa (5 settembre 1997- 5 settembre 2017) sia perché papa Francesco ha indetto per il prossimo 19 novembre la prima Giornata mondiale dei Poveri, per i quali la stessa Santa di Calcutta nel servirli totalmente ha fondato e rafforzato la sua grande fede in Dio". segue

(CIS) – Perugia ago. - Nell'Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve la vocazione al diaconato permanente ripristinato dal Concilio Vaticano II, è molto viva, conoscendo anche in Umbria un forte impulso a vantaggio dell'opera missionaria e della nuova evangelizzazione. Da domani a Spoleto esercizi spirituali per i candidati. Attualmente i diaconi permanenti in Italia sono circa 4.400 di cui 140 in "servizio" in Umbria. A Perugia-Città della Pieve - sottolinea una nota - sono 37 e più di una dozzina sono gli aspiranti in fase di formazione. Questi, nell'ammissione all'ordinazione diaconale, sono chiamati ad esprimere l'assoluta libertà di scelta e la volontà di dedicarsi in modo definitivo al ministero del diaconato. I canditati coniugati devono avere anche il consenso delle mogli, in quanto il sacramento dell'Ordine sacro del diaconato si innesta nel sacramento del matrimonio. Pertanto la moglie è chiamata ad essere in comunione con il marito, oltre che nella vita coniugale e familiare anche nella comunione del ministero diaconale. Mentre i candidati non sposati devono assumere pubblicamente l'obbligo del celibato, mediante il rito prescritto. Particolare attenzione al diaconato, il primo dei tre gradi del sacramento dell'Ordine sacro, insieme al presbiterato e all'episcopato, è posta dal cardinale Gualtiero Bassetti anche in segno di continuità con il suo predecessore, l'arcivescovo Giuseppe Chiaretti, sotto il cui episcopato (1996-2009) il ruolo di "servizio" del diacono permanente si è accresciuto non poco nella vita liturgica e pastorale e nelle opere caritative della Chiesa diocesana.  segue

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Pagina 9 di 25

camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information