City Information Service | Direttore responsabile Piero Pianigiani

Domenica 29 Ottobre 2017 18:29

Terremoto: il 94% dei bambini di Abruzzo e Marche immagina un futuro migliore. Ricerca (IDO) dell’Istituto di Ortofonologia di Roma

Istituto Ortofonologia (IDO) Istituto Ortofonologia (IDO)

(CIS) - Roma ott. - Dopo 7 mesi di lavoro al fianco di insegnanti, genitori e alunni nell'elaborazione del trauma post terremoto che ha sconvolto l'Italia centrale, il 94% dei bambini supportati nelle scuole elementari dell'Abruzzo e delle Marche ha mostrato, sia pur con gradualità diverse, di poter immaginare un futuro riparativo dell'esperienza traumatica. I piccoli studenti dell'Italia centrale riescono quindi a pensare a un futuro migliore e a dirlo è l'equipe dell'Istituto di Ortofonologia di Roma (IdO), accorsa nelle regioni Abruzzo, Marche e Umbria subito dopo le scosse del 24 agosto 2016 per sostenere 1.230 alunni e 180 insegnanti di 8 istituti comprensivi. Nelle scuole di Montorio Crognaleto, Montorio al Vomano, Nerito (Abruzzo), nell'istituto comprensivo del Tronto e Valfluvione, ad Arquata del Tronto e Acquasanta Terme (Marche) è stata infatti condotta un'indagine conoscitiva – spiega una nota - sullo stato psicologico dei minori dopo l'intervento d'aiuto durato tutto l'anno scolastico. La ricerca è stata presentata questa mattina al convegno romano su 'Narrazione, trauma e salute: dall'individuo alla società'. "Il nostro obiettivo è rimettere in moto il processo immaginativo dei minori che hanno vissuto il terremoto – ha precisato Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie dell'IdO - per consentire loro di recuperare il prima possibile il senso della continuità dell'esistenza, interrotto dall'esperienza traumatica.  segue

 

Attraverso il processo immaginativo i contenuti affettivi, come l'angoscia sperimentata durante il trauma, possono ricongiungersi ai contenuti ideativi, quali il recupero del ricordo traumatico. Questo processo – ha detto la psicoterapeuta dell'età evolutiva - consente di evitare la strutturazione della sindrome post-traumatica nei bambini". L'IdO ha deciso di sondare il livello di stress vissuto da questi minori – precisa la nota - attraverso la somministrazione di un questionario a 40 insegnanti, relativo alla valutazione dei rischi legati all'esperienza del terremoto in 684 studenti delle Elementari e delle Medie di Abruzzo e Marche. Dalla lettura delle schede valutative – realizzate in collaborazione con la Società italiana per lo studio dello stress traumatico (Sisst) – è emerso che su 636 bambini delle primarie, 600 (94%) hanno presentato un rischio traumatico basso, 29 (5%) un rischio moderato e solo per 7 bambini (1%) il rischio è risultato alto. Alle Medie, invece, su 48 bambini il 16% ha un rischio basso mentre per il 60% (29 alunni) è moderato". Il lavoro dell'IdO non si limita a monitorare lo stato di stress. L'equipe di psicoterapeuti dell'età evolutiva ha voluto capire soprattutto se questi stessi bambini riescano ancora a pensare al futuro, sebbene tutto intorno ci sia la distruzione. Per comprenderlo hanno utilizzato il test proiettivo di Crocq sul disegno delle tre case (la casa del passato, del presente e del futuro). "Su 600 bambini nessuno ha negato il problema del terremoto – ha affermato Magda Di Renzo- perché il disegno della seconda casa (quella del presente) è stato realizzato quasi da tutti. Molti hanno anche immaginato la casa del futuro migliore di quella che avevano. Questo vuol dire che il processo immaginativo non si è bloccato e la percentuale è molto alta: un solo bambino su 611 ha disegnato una sola casa- conclude Di Renzo- e solo 48 bambini hanno disegnato la casa del presente senza segni di terremoto". abstract fonte com


camera
Social Forum

Facebook_suiciditwitter_iconyoutube6349214

Questo sito utilizza i cookies per migliore la tua esperienza di navigazione. I Cookies utilizzati sono limitati alle operazioni essenziali del sito. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information